cronache-federaliste

Cronache federaliste – anno XIX n. 1 (gennaio 2020)

Anno XIX – Numero 1 Gennaio 2020

L’EREDITÀ DEL RISORGIMENTO

Con la breccia di Porta Pia e la conquista di Roma pontificia nel settembre del 1870 da parte del Regno d’Italia, che ne avrebbe presto fatta la sua capitale, poteva in gran parte considerarsi concluso il Risorgimento, e portato sostanzialmente a compimento il processo di unificazione della penisola allora suddivisa in sette Stati a dimensione regionale o provinciale. Da quel tempo, centocinquant’anni ed epocali eventi sono ormai trascorsi, l’Italia è riuscita a mantenersi tra terribili guerre e contrapposti regimi come unico Stato, eppure può tuttavia ritenersi ancora utile qualche sommaria riflessione su avvenimenti e ideali della narrazione risorgimentale, in particolare se confrontati al moto per l’unità europea, che almeno in quell’età turbinosa ebbe parte non marginale per la nascita in Europa di grandi Stati territoriali, fra i quali appunto l’Italia.

SCARICA DOCUMENTO COMPLETO

il-pensiero-federalista

Il pensiero federalista – Anno XVIII – Numero 3 – Agosto 2019

il pensiero federalista

Osservatorio
Il federalismo di Luigi Sturzo*

Rodolfo Gargano

1. Introduzione. Alle origini del federalismo sturziano
Non è certo facile accostarsi oggi al pensiero e all’opera di uomo e di sacerdote di Luigi Sturzo1, che racchiude un pezzo non marginale di storia italiana tra Regno e Repubblica, tra Stato e Chiesa, tra autoritarismo e democrazia liberale, ma che tuttora pare additare a tutti noi, con coraggio e determinazione non usuali, una via di paziente costruzione dal basso di una comunità a misura dell’uomo: una via tuttora impervia, che tuttavia va forse percorsa sino in fondo da chi ha a cuore le sorti di una società complessa come quella italiana (e meridionale)

SCARICA DOCUMENTO COMPLETO

cronache-federaliste

Cronache federaliste – Anno XVIII – Numero 3 – Giugno 2019

cronache_federaliste

Anno XVIII – Numero 3 Giugno 2019
DIVERGENZE E DISAFFEZIONI A QUARANT’ANNI DALLA PRIMA ELEZIONE DEL P.E.*

Il rinnovo del Parlamento Europeo è l’unica, forse l’ultima, occasione utile – attraverso il ricambio dei rappresentanti che saranno eletti il 26 maggio prossimo dai popoli dei 28 Paesi dell’Unione Europea – per cercare di imprimere un nuovo, più efficiente e solidale corso politico unitario all’andamento governativo dell’Unione stessa; andamento che – sappiamo bene tutti – è diventato negli ultimi decenni farraginoso – e purtroppo anche rissoso – a causa di divergenti linee politiche.

SCARICA DOCUMENTO COMPLETO

il-pensiero-federalista

Il pensiero federalista – Anno XVIII N°2 – Maggio 2019

il pensiero federalista

Osservatorio
Il sistema dei partiti nelle unioni federali continentali e la sua natura costituente: verso una coalizione europea conservatrice ed una progressista*

Domenico Moro

Non è pensabile […] che un gruppo di Stati decida di punto in bianco, e all’unisono, di dar vita ad una federazione che li unisca in modo irreversibile. La sola via che esiste è determinata dal fatto che durante un processo di integrazione – come quello in corso in Europa – non possono non prodursi delle situazioni di potere – transitorie ma ripetibili – nelle quali per i capi di Stato e di governo si manifesta la possibilità di decidere

SCARICA DOCUMENTO COMPLETO

cronache-federaliste

Cronache federaliste – Anno XVIII – Numero 2 – Marzo 2019

cronache-federaliste

Anno XVIII Numero 2 Marzo 2019

EUROPA SENZ’ANIMA? IL PROGETTO EUROPEO E L’EUROPA DELLE FAKE NEWS

Non ci possiamo stupire se sul processo di integrazione europea si assiste periodicamente al nascere di sospette insinuazioni e vuote dicerie, fino a deliberate calunnie, e vere e proprie falsità sull’Europa comunitaria, sempre più spesso additata come causa di molteplici rovine e nefandezze, che poi, ad un più attento esame, risultano in gran parte infondate, erronee o basate sul nulla. Che l’Europa realizzata abbia varie manchevolezze e incongruenze, sia dal punto di vista delle istituzioni che la rappresentano, sia dal punto di vista delle politiche che sono state (o non sono state) adottate a livello europeo, è un fatto difficilmente contestabile:

SCARICA DOCUMENTO COMPLETO